0
0
0
s2smodern
powered by social2s

l ostrica e la regina dei nostri mariL’ostrica l’ho definita la regina dei molluschi per la sua preziosità in tutti i sensi.
E’ un mollusco pregiato perché non di facile reperibilità; più costoso degli altri e perché nel collettivo comune associamo l’ostrica come aperitivo dei vip che la assaporano con champagne.

L’ostrica è molto pregiata anche perché la sua produzione non è così comune e abbondante come quella degli altri molluschi.
Sono molto famose e conosciute le ostriche francesi della Bretagna che costituiscono anche il 70% della produzione europea, a seguire le irlandesi che occupano il 20% mentre il restante 10% è produzione italiana e proviene dalla Sardegna e più precisamente da San Teodoro.

Da qualunque parte esse arrivino l’importante è che rimangano vive. Il mollusco, qualunque esso sia, se muore, non va’ consumato.

Nel momento della raccolta, vengono selezionate ed eliminate quelle morte o rovinate; successivamente si passa al confezionamento per il controllo igienico sanitario. Il trasporto prevede sempre lo stoccaggio ad una temperatura compresa fra i 2 e gli 8 gradi.  

Quando arrivano a destinazione i molluschi sono stressati ma devono essere vivi. E come facciamo a sapere se lo sono? Basterà togliere i residui di acqua che si sono depositati nelle valve e controllare la reazione del mollusco. Se riformerà nuova acqua l’ostrica è viva.

La degustazione ed il consumo è comunque consigliato dopo almeno 24 ore di riposo. E’ consigliabile togliere le ostriche dalla cassetta di trasporto e posizionarle con la parte concava del guscio in basso. Le ostriche riprenderanno vigore e saranno ancora più buone e gustose.

l ostrica servita con un p di limoneSi servono sempre aperte. Chi le preferisce con il limone, chi invece vuole assaporare il gusto del mare fino in fondo senza alcuna contaminazione di sapori. Sicuramente l’ostrica è un prodotto molto particolare da consumare fresca con un buon prosecco o champagne.
Una volta aperta e tolta la sua acqua, la si posiziona sul ghiaccio in modo da controllare che riformi la sua acqua come sintomo di freschezza.

Consigliamo di consumarle da Settembre ad Aprile e le potete trovare al nostro banco, ordinandole sia come antipasto che come portata vera e propria.

Bon appetìt